giovedì 10 agosto 2017

Ligier JS1 : Il grande inizio


Guy Ligier è stato uno dei più caratteristici manager che il mondo dei motori abbia mai conosciuto e la sua storia non era nemmeno cominciata nel settore, in quanto in giovane età fu campione di canottaggio e giocatore di rugby.
Tra il 1957 e il 1959 si dedicò invece al motociclismo, passando poi alle quattro ruote fino alla fine degli anni '60.

Nel 1969 Guy decise infatti di fare il grande passo diventando un costruttore indipendente fondando una propria azienda automobilistica nella sua città natale di Vichy.

La prima vettura che usci' dalla linea di montaggio fu la JS1, una piccola coupè sportiva il cui nome era un omaggio al pilota francese Jo Schlesser, intimo amico di Ligier morto durante il Gran Premio di Francia del 1968.

Progettata per prendere parte al Campionato del Mondo Sport-Prototipi, la JS1 nascondeva sotto la carrozzeria in fibra di vetro un propulsore Ford 26M V6 dalla potenza di 215 cv gestito da un cambio manuale a cinque rapporti.

L'impianto frenante era costituito da quattro freni a disco, mentre le sospensioni erano rappresentate da doppi bracci trasversali abbinati a molle elicoidali in tutte le sezioni del mezzo.

Portata per la prima volta in gara al Tour de France del 1969, la vettura non ebbe molto successo ottenendo solo un terzo posto al al GP di Magny-Cours e la vittoria nella Coupes de Vitesse del 1970 e al GP di Albi.

Fallimentari si rivelarono invece le gare del Tour de France e della 24 ore di Le Mans, tanto da indurre la casa francese a sostituire la vettura già alla fine del 1970 con un modello più robusto.


Nessun commento :

Posta un commento