giovedì 1 giugno 2017

Ford Mustang Cobra II GTO : Cavalli senza pedigree


Nel 1975 il pilota statunitense Mark Donohue propose al suo collega Charlie Kemp la realizzazione di una Chevrolet Monza adatta a partecipare al campionato IMSA nella categoria GTO.


Il progetto prese il via ma venne interrotto quando venne a mancare Donohue durante le prove del gran premio d'Austria di Formula 1. Ciò nonostante diverse componenti erano già state realizzate e Kemp decise di continuare lo sviluppo della vettura con la collaborazione di Ron Fournier. Si scelse però di cambiare base progettuale e di passare dalla Monza alla nuova Ford Mustang Cobra II da iscrivere nella medesima categoria.

Realizzata grazie all'apporto della famosa Kar Kraft, la vettura era stata dotata di un propulsore progettato da Jack Roush che erogava l’enorme potenza di 635 cv, i quali permettevano una paurosa accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,8 secondi con velocità massima di 341 km/h.

Portata in gara a più riprese tra il 1976 e il 1981, la Cobra II si rivelò estremamente veloce ma non abbastanza performante per contrastare la spietata concorrenza ed ottenendo come miglior risultato solo un secondo posto alla gara finale di Daytona nel 1976.


Nessun commento :

Posta un commento